Posts Tagged Gibellina

E’ la “Notte dei Musei”

Nella notte di sabato 18 Maggio i Musei di tutta Europa si mostreranno nell’inusuale e seducente veste serale, arricchendo l’offerta con musica, mostre, visite guidate, degustazioni.
L’evento, con il patrocinio dell’Unesco e del Consiglio d’Europa, è nato in Francia nel 2005. In questo importante appuntamento la RETE MUSEALE E NATURALE BELICINA offre diverse iniziative nelle strutture distribuite nelle province di Trapani, Palermo e Agrigento:

CASTELVETRANO (TP)
Notte di note al Campus Archeologico Museale – Triscina di Selinunte Castelvetrano (Tp)

Porte aperte sabato 18 Maggio 2013 dalle ore 21 al Campus Archeologico Museale ed alla relativa area archeologica. L’occasione è “La notte dei Musei“, iniziativa alla quale il CAM anche quest’anno ha deciso di aderire mantenendo aperta la struttura nelle ore serali. Sarà possibile visitare, con le dovute limitazioni e cautele, i laboratori di restauro dove in questi giorni vengono custoditi i reperti provenienti dagli scavi effettuati nella vicina necropoli di Timpone Nero. Per l’occasione sarà possibile osservare lo scheletro perfettamente conservato di un giovane selinuntino con il suo corredo funerario ricomposto in una delle sale del museo. La serata sarà resa ancor più piacevole dallemusiche del gruppo “Les quatre ensemble”, con due voci femminili: Debora Messina e Giuliana Pantaleo, un flauto Maria Luisa Pala e una chitarra Giuseppe Gambino, con unrepertorio che varia dal cantautorato italiano e straniero come: Piovani, Conte, Jannacci, James Taylor, Noa ecc.., agli standard swing-jazz e alla bossa nova.

CAM - Campus Archeologico Museale
Baglio Calcara Triscina di Selinunte, Castelvetrano
Trapani Data: 18 maggio 2013
Dalle ore 21.00 alle ore 23.00

GIBELLINA (TP)Museo delle Trame – Tracce arabe nel contemporaneo

MUSEO DELLE TRAME MEDITERRANEE – FONDAZIONE ORESTIADI
Il Museo delle Trame Mediterranee, della Fondazione Orestiadi premiato dall’ICOM nel 2011 per il migliore progetto in Italia per la mediazione culturale mostra insieme alle presenze simboliche dei manufatti della creatività dell’Africa Mediterrane le opere dei grandi maestri che hanno contribuito alla ricostruzione della città dopo il sisma del ’68 tra i quali: Beuys, Long, Schifano, Consagra, Accardi, Scialoja, Pomodoro, Turcato, Angeli, Matta, Alighiero Boetti, Cucchi, Paladino, Emilio Isgrò…

Ore 17 Tracce arabe nel contemporaneo – Dal Tappeto Volante ai Prisenti -
Visita guidata al Museo delle Trame Mediterranee

Ore 17,30 Proiezione di:
La Madre, il Figlio e l’Architetto di Petra Noordkamp,

Olanda 2012, durata 16’
Corto sulla chiesa di Quaroni, selezionato al Festival Internazionale del Cinema di Roma Museo delle Trame Mediterranee

Baglio Di Stefano
Gibellina
Data: 18 maggio 2013
Dalle ore 17 alle ore 18,30

Belìce/EpiCentro della Memoria Viva
“Miniere di Sicilia” fotografie di Ezio Ferreri
Ore 18.00 Inaugurazione mostra fotografica “Miniere di Sicilia” fotografie di Ezio Ferreri, a cura di Giulia Scalia, in collaborazione con Belìce/EpiCentro della Memoria Viva e Galleria X3_Palermo

Proiezione del documentario “Con il cuore fermo, Sicilia” di Gianfranco Mingozzi,
documentario durata 30? min.
Possibilità di visita guidata.

  • Share/Bookmark

Tags: , ,

No Comments

A Gibellina in mostra le statue ’sopravvissute’ al terremoto del 1968

Cinque statue che a Gibellina vecchia rimasero intatte sotto le scosse del terremoto della Valle del Belice nel 1968 sono esposte da domenica scorasa (per la prima volta dopo 44 anni) nella chiesa madre di Gibellina nuova, progettata da Ludovico Quaroni.
La mostra rimarra’ aperta al pubblico sino al giorno di Pasqua.
Le cinque statue provengono dalle chiese che erano nel vecchio centro di Gibellina, che fu raso al suolo dalle terribili scosse.
Recuperate sotto le macerie, le opere intatte nel loro splendore, sono state conservate all’interno del seminario vescovile di Mazara del Vallo ed ora sono tornate a Gibellina.

  • Share/Bookmark

Tags: , , , , ,

No Comments

Sarà intitolato al senatore Ludovico Corrao il museo d’Arte contemporanea di Gibellina

Il Museo di Arte contemporanea di Gibellina sarà intitolato al senatore Ludovico Corrao, il sindaco della rinascita del comune distrutto dal terremoto del 1968 che devastò la Valle del Belice.
La cerimonia si terrà oggi domenica 15 gennaio alle 17, nell’anniversario del sisma.
Una cerimonia, con la partecipazione di tutti i sindaci della Valle del Belice, che cade a pochi mesi dalla tragica scomparsa di Corrao ucciso il 7 agosto scorso dal suo domestico.
“Il terremoto e la figura del senatore sono indissolubilmente legati tra loro.
Il sisma e Ludovico Corrao hanno proiettato Gibellina in una dimensione diversa.
Il Museo civico è stato fortemente voluto dal senatore e le opere d’arte sono diventate componente essenziale, sorgente di vita, forza di incoraggiamento a perseguire gli obiettivi alti di bellezza e di rinascità.

  • Share/Bookmark

Tags: , , ,

No Comments

Miriam Pace espone a Gibellina

Nell’ambito delle attività della Fondazione Orestiadi, Sabato 17 settembre 2011 alle ore 18.00 vernissage di presentazione delle opere di Miriam Pace e performance musicale di Michelangelo Jr.
Negli anni ’90 Achille Bonito Oliva teorizzava l’arte terminale analizzando le opere di Michelangelo Junior e altri giovani artisti.

  • Share/Bookmark

Tags: , ,

No Comments

A Gibellina per le Orestiadi

“L’uomo e la sua memoria” è il filo conduttore lungo il quale si svilupperà la 30esima edizione delle Orestiadi di Gibellina, che avranno luogo dal 7 al 30 luglio nella citta del Belice.
Dieci le rappresentazioni inserite nel cartellone di quest’anno, con artisti provenienti da tutta Italia, e che avranno come scenario il Baglio Di Stefano.
A queste si aggiungono le mostre che trovano spazio al Museo delle Trame Mediterranee.
Ad aprire il festival sarà “Artista da giovane”, di Collovà, omaggio al Dedalus di James Joyce: lo spettacolo, che andrà in scena il 7 luglio alle 21.15, rappresenta un’indagine sulla memoria, sulla vitalità e sugli impulsi creativi di una infanzia comunque sottoposta a rigorosi modelli educativi.
Di memoria si parla anche nel “Lev”, dei Muta Imago, che si sviluppa intorno alla figura del soldato russo Lev Zasetsky.
L’uomo e la sua voglia di rimuovere lo spauracchio della morte sono al centro di “The End”, dei Babilonia Teatri.
Un omaggio a Danilo Dolci in “Io non so cominciare”, del teatro Rebis di Macerata, con la regia di Andrea Fazzini.
Siamo davanti a un festival di teatro contemporaneo che non ha eguali in Sicilia, il cartellone si inserisce in quel filone di grande qualità che ha caratterizzato le Orestiadi in questi trent’anni.

  • Share/Bookmark

Tags: , ,

No Comments

A Gibellina per la mostra «La Sicilia antica nella cartografia del Mediterraneo»

Inaugurata ieri, al Baglio Di Stefano di Gibellina, la mostra «La Sicilia antica nella cartografia del Mediterraneo».
L’esposizione è organizzata dalla Fondazione Orestiadi con l’assessorato regionale ai Beni culturali, la Pontificia facoltà teologica di Sicilia, il Dipartimento Beni culturali dell’Università di Palermo, la Biblioteca «Alberto Bombace» e il Centro documentazione e catalogo della Regione.
La mostra nasce da una ricognizione del patrimonio cartografico di alcuni tra i più prestigiosi enti culturali isolani, tra cui il Fondo cartografico della Facoltà teologica di Sicilia intitolato a Rosario La Duca. E in tal senso intende essere un primo omaggio all’opera dello studioso palermitano scomparso nel 2008. Al contempo, il nuovo progetto espositivo della Fondazione Orestiadi, inizialmente previsto nella sede di Tunisi, è un contributo all’unità dei popoli del Mediterraneo.
«Le carte geografiche dei porti - spiega Ludovico Corrao, presidente dell’Istituto di alta cultura - fissano le coordinate della storia degli uomini, di eserciti e pirati che sfidano il mare, ma tessono le reti di nuove civiltà e imprimono identità plurali all’incessante migrazione di popoli e culture diverse.
Oggi un risorgente rigurgito razzista vuole cancellare questa identità di accoglienza che cercò la mirabile grandezza di arti, saperi, monumenti, architetture, poesia e musica che fa splendente di luce questa terra di Sicilia. Un razzismo che rinnova i genocidi di popoli sfuggiti dalle loro terre per guerra, miseria e schiavitù».

  • Share/Bookmark

Tags:

No Comments

Presentata la XXIX edizione delle Orestiadi di Gibellina

Il ciclo di manifestazioni collegate di questa XXIX edizione delle Orestiadi di Gibellina si terranno da martedì 1 luglio a sabato 31 luglio. Si tratta di quattordici spettacoli di cui sette prime nazionali (spettacoli direttamente pensati per le Orestiadi), per un cartellone la cui direzione artistica è firmata da Claudio Collovà.

Da ventinove anni Gibellina è luogo di incontro e confronto culturale, sede di un Festival internazionale che persegue la scelta del teatro contemporaneo e di autore.
Davanti al “Cretto” che Alberto Burri stese come un enorme sudario sulle rovine della vecchia Gibellina, dal 1981, le Orestiadi, che anche quest’anno si avvalgono del main sponsor Orestiadi Vini, presentano un mese di spettacolo tra musica, poesia, danza contemporanea e soprattutto teatro di sperimentazione.

Luoghi deputati per gli appuntamenti: Baglio di Stefano, Teatro degli Ulivi, Cretto di Burri e i concerti di apertura e chiusura in piazza Municipio sempre a Gibellina.

Saranno presenti al Festival: PALERMO ART ENSEMBLE, CLAUDIO COLLOVÀ, MARIELLA LO SARDO, RALPH TOWNER, la COMPAGNIA SCIMONE\SFRAMELI, UGO GIACOMAZZI E LUIGI DI GANGI e i loro TEATRI ALCHEMICI, NINO ROMEO, GRAZIANA MANISCALCO, PIERO MACCARINELLI con UMBERTO ORSINI, MASSIMO POPOLIZIO, MANUELA MANDRACCHIA, VALENTINA SPERLÌ e l’artista visivo GIANCARLO NERI, ARS LUDI ENSEMBLE E LA PICCOLA BANDA IKONA, SALVATORE CANTALUPO e RICCARDO VENO, MOTUS DI ENRICO CASAGRANDE & DANIELA NICOLÒ, ALESSANDRA LUBERTI e la COMPAGNIA ESSE P.A. con DOMENICO SCIAJNO E ALESSANDRA PESCETTA, FRANCO SCALDATI con MASSIMILIANO CAROLLO ED EGLE MAZZAMUTO, MARIO MODESTINI.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, mentre il ridotto (over 65 e under 24) e Soci Idea Net, 10 euro. Le prevendite sono disponibili a Palermo da Master Dischi (091.323151) e presso la libreria Modusvivendi (091.323493).

Quest’anno sono previste particolari agevolazioni per i possessori del biglietto che avranno diritto a fine spettacolo ad una degustazione di vino.

“Visita Museo”: chi acquista il biglietto potrà visitare gratuitamente “Il Museo delle trame mediterranee”, fino a trenta minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

Gli spettatori potranno inoltre acquistare con il 20% di sconto tutte le pubblicazioni edite da Fondazione Orestiadi.

  • Share/Bookmark

Tags: , ,

No Comments

Gibellina: notte europea dei musei tra sabato 15 e domenica 16 maggio

Mostre, visite guidate in bicicletta e spettacoli musicali a Gibellina per la sesta edizione de «La Nuit européenne des musées».
Il Museo civico d’arte contemporanea resterà aperto sino a tarda notte e le collezioni saranno godibili in un contesto inusuale, così come gli spazi e i cortili i quali ospiteranno performance di giovani artisti e musicisti internazionali.
Si potrà passeggiare in bicicletta per le vie della città nei luoghi dell’arte alla riscoperta del paesaggio urbano notturno e del museo en plein air che fa di Gibellina un contesto unico nel panorama urbano italiano.
La sesta edizione della manifestazione è patrocinata dal Segretariato Generale del consiglio d’Europa e dall’UNESCO.

  • Share/Bookmark

Tags: ,

No Comments